Apporto proteico nel danno della colite

La riparazione del danno della mucosa intestinale dopo una riacutizzazione infiammatoria è associata ad una remissione clinica duratura.

Per valutare l’impatto della riparazione mucosale dopo un episodio acuto di colite, ad alcuni topi è stata somministrata una dieta isocalorica ma con contenuto di proteine diverso. Ad un gruppo è stato somministrato il 14% di proteine, ad un altro il 30% e ad un terzo gruppo il 53%.

Il 53% di proteine nella dieta ha fatto peggiorare lo stato infiammatorio sia in intensità che in durata. La dieta con il 30% di proteine, rispetto a quella con il 14%, ha evidenziato un processo di riparazione epiteliale duraturo, accelerando la risoluzione dell’infiammazione, riducendo la permeabilità intestinale e aumentando la ristrutturazione della mucosa.

L’assunzione proteica nella dieta ha anche un impatto sulla composizione della flora batterica intestinale dopo l’episodio infiammatorio. In particolare, la dieta al 30% mostra un aumento della colonizzazione dei generi “benefici” che producono butirrato, ovvero il nutriente delle cellule intestinali.

In conclusione, lo studio ha dimostrato, in un modello animale, che la quantità di proteine nella dieta modula la riparazione della mucosa del colon. I maggiori effetti benefici si ottengono attraverso un apporto moderato di proteine, mentre una dieta altamente proteica mostra effetti deleteri in questo processo di riparazione.

Nella pratica clinica, l’apporto moderato di proteine è in grado di velocizzare la remissione dei sintomi colitici, migliorando, altresì, la funzionalità della mucosa e la composizione batterica; al contrario, un eccesso di proteine, peggiora la sintomatologia, avendo effetti negativi sullo stato infiammatorio che permane nel tempo.

 

(Nutrients 2019, 11(3); 514)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *