Nuova smentita della dieta dei gruppi sanguigni: il profilo cardiometabolico migliora allo stesso modo per ogni gruppo, purché si segua un regime alimentare bilanciato

Questa ricerca aggiunge nuove certezze, evidence-based, all’inconsistenza della “dieta dei gruppi sanguigni”, che dal 1996 ha fatto la fortuna dei suoi inventori, nonostante non abbia mai prodotto alcuna chiara evidenza scientifica.
Va ricordato che i quattro profili alimentari proposti dalla “dieta dei gruppi sanguigni” sono sostanzialmente dettati dal buon senso e riconoscono una base comune nel maggior consumo di verdura e frutta e nell’esclusione o limitazione degli alimenti molto lavorati.
A 973 soggetti sovrappeso o obesi è stato proposto di seguire per sei mesi un regime corretto e bilanciato, in gran parte ispirato alla dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension), indipendentemente dal proprio gruppo sanguigno. Sia prima, sia al termine dello studio, l’alimentazione seguita è stata inoltre valutata in base all’appartenenza dei soggetti a uno dei quattro genotipi A, B, AB, zero.
Dopo sei mesi il miglioramento del profilo cardio-metabolico è apparso del tutto indipendente dal genotipo ABO di appartenenza. Per esempio, tra tutti i soggetti (indipendentemente dal fatto che fossero A, B, AB o zero) che avevano fatto scelte alimentari simili a quelle suggerite per il genotipo A è stata rilevata una riduzione soprattutto del BMI; chi aveva scelto alimenti consigliati per il gruppo B ha ridotto di più il girovita; infine, chi aveva preferito alimenti più vicini alla dieta del gruppo O aveva ridotto entrambi. Questi risultati possono spiegare il successo mediatico della dieta del gruppo sanguigno che ha generalmente molti punti in comune con la dieta “prudente”.
Gli Autori ribadiscono quindi che, per ottenere benefici reali, è necessario badare alla qualità (correttezza ed equilibrio) complessiva delle scelte alimentari, senza escludere a priori alcun alimento o nutriente, e non al proprio gruppo sanguigno.

(Fonte: Wang J, Jamnik J, García-Bailo B, Nielsen DE, Jenkins DJA, El-Sohemy A.
J Nutr. 2018 Apr 1;148(4):518-525. doi: 10.1093/jn/nxx074.
23-04-2018; Nfi Nutrition foundation of Italy)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *