Gli effetti dell’ictus sulla flora batterica intestinale

Sono molti ormai gli studi che evidenziano come il cervello e l’intestino siano strettamente correlati.
Ne riporto uno che riguarda le modifiche dell’intestino e del suo microbioma causate dall’ictus.

Un gruppo di ricercatori ha evidenziato che l’ictus che colpisce il cervello ha un’immediata ripercussione sulla flora batterica intestinale, protraendosi per almeno 28 giorni.
Si evidenziano diverse modifiche nella composizione della microflora intestinale.
La famiglia delle Bifidobacteriaceae, batteri buoni per il nostro intestino, diminuisce dopo l’evento cardiovascolare. Le Bifidobacteriaceae sono molto importanti in quanto permettono di mantenere sano l’apparato digerente e, nel caso particolare dell’evento patologico in questione, sembra siano anche associati ad un recupero migliore.
Non è tutto.
I batteri appartenenti alla famiglia delle Helicobacteraceae aumentano nel lungo periodo dopo l’ictus, cosa che rallenta il processo di guarigione.
Infine, viene modificato il rapporto fra altre due famiglie di batteri, Firmicutes e Bacterioidetes. Si nota un notevole aumento dei primi. Si sa da tempo che questa famiglia batterica è correlata all’obesità, all’insorgenza del diabete e all’infiammazione cronica.

L’ictus influenza non solo la microflora, ma anche la struttura dei villi intestinali. Se in un intestino sano essi sono ben strutturati, con formazione di cripte tra di loro ben ordinate, nell’intestino dei soggetti compiti da ictus si nota un marcato aumento di spessore ed una riduzione degli spazi esistenti tra di loro. Questo significa che, nel soggetto patologico, l’assorbimento dei nutrienti avviene in modo inefficace. Una scarsa circolazione di sostanze nutritive non fa altro che rallentare e compromettere la guarigione nel distretto cerebrale e non solo.

Questo studio evidenzia che lo stato di salute dell’intestino influenza pesantemente lo stato di salute del cervello e, aggiungerei, di tutto l’organismo. I ricercatori hanno ipotizzato che, in futuro, la cura dei pazienti colpiti da ictus non dovrebbe concentrarsi solo sul recupero delle funzioni cerebrali, ma anche sul ripristino del corretto rapporto tra le varie popolazioni batteriche intestinali.

(West Virginia University. “Rsearchers explore stroke’s effects on microbiome.” ScienceDaily. ScienceDaily, 12 March 2019)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *