“La qualità del cibo che mangiamo

diventa la qualità della nostra coscienza.

Perciò se non cambiamo dieta

non saremo in grado di cambiare la nostra coscienza.”

(pensiero buddista)

Articoli recenti

L’ontano nero: l’albero magico di Venezia

Ontano nero: Alnus glutinosa, dal celtico “al lan” ovvero presso le rive.

E’ il tipico albero che vive nei pressi dei corsi d’acqua, nelle paludi e nei luoghi fangosi. Si trova tra la vegetazione spontanea dell’Italia, molto ben rappresentato in pianura Padana e nelle prime zone collinari.

L’ontano è già menzionato nell’Odissea, in cui si racconta che “Colei che nasconde gli uomini” vivesse in una grotta circondata da un bosco fatto di ontani, cipressi e pioppi. Ontano chiamato “albero delle streghe”, legato alle Parche reggenti il destino dell’Uomo, la porta dell’Oltretomba, l’albero che sanguina, l’albero della rinascita, l’albero cosmico. Insomma, un signore di tutto rispetto, che ha stregato ed affascinato l’Uomo della civiltà mediterranea ed europea. Senza avere la presunzione di pormi al livello dei saggi delle grandi epoche, vorrei dire anch’io la mia: l’ontano ricorda un essere forte, potente, severo, saggio, benevolo, taumaturgico.

Tutto questo non è però un caso, come si vedrà.

Venezia è stata costruita, per molta parte di essa, su pali di ontano piantati nel fondale della laguna. Il legno, una volta bagnato, si indurisce moltissimo, diventando quasi impossibile da disruggere.

L’ontano, se tagliato, assume un colore rosso simile al sangue.
Vivendo nelle zone paludose e umide, infestate di zanzare, tipiche delle pianure del nord Italia, tende a bonificare il terreno con il suo fogliame estremamente nutriente e le radici che si possono scorgere negli argini dei corsi d’acqua creando così riparo per i pesci; per analogia esso sarà in grado di curare tutto ciò che si presenta rosso e ricco di siero e “stagnante”: l’infiammazione. Infatti, le sue gemme sono utilissime in tutti gli stati flogistici, di ipertrofia dovuta ad allergie respiratorie e di punture di insetti e orticaria di vario genere, negli stati di gotta, nelle aderenze post-chirurgiche e post-infiammatorie, nelle otiti sierose e in alcune malattie esantematiche. E’ il rimedio complementare agli antibiotici nella cura di postumi flogistici non risolti. Molto utile, alternato a Ribes nigrum e abbinato a piante specifiche per l’apparato su cui si vuole agire, nella prevenzione e nella cura delle allergie respiratorie che regrediscono fino a risoluzione in molti casi.
Il gemmoderivato è uno dei pochi dal gusto leggermente amaro e astringente, ma cosa ci si può aspettare da un albero così severo e potente?
L’ontano è estremamente efficace nel ridurre al nulla il fastidio delle punture delle zanzare. Se usato costantemente a dosi minime per tutto il periodo estivo, le zanzare non saranno più un problema.

Tradizionalmente, gli impacchi con le foglie di ontano fungevano da antireumatico; il decotto di corteccia era usato per curare le gengiviti.

Nell’industria tintoria, la corteccia, opportunamente lavorata, si usava per colorare di nero e per conciare le pelli, mentre se mischiata con le gemme, permetteva di ottenere il giallo.

Se durante una passeggiata in campagna vicino ai fiumi o ai corsi d’acqua lo incontrerete, salutatelo con rispetto:  “Lui” la sa lunga…

 

  1. Incontro a tema “La Bellezza Della Nutrizione” Lascia una risposta
  2. Novità dell’estate Lascia una risposta
  3. La celiachia non è una moda Lascia una risposta
  4. Congresso “Stomia, occasione di vita” Lascia una risposta
  5. Dall’Africa arriva il Teff: un toccasana per i celiaci…ma non solo Lascia una risposta
  6. Mangiamoci un piatto di Champignon! Lascia una risposta
  7. A volte serve solo un po’ di poesia… Lascia una risposta
  8. Gli effetti collaterali delle statine Lascia una risposta
  9. Dipendenza da sport: segno di disordini alimentari? Lascia una risposta